Messa a punto – Come la faccio io.

Partiamo dall’osservazione che la shooting machine tira le stesse frecce nello stesso posto, qualunque sia la messa a punto dell’arco. Di conseguenza, la ripetibilità del gesto è sempre fondamentale.
La messa a punto si può dividere in tre aspetti:
1 – trovare la migliore resa dell’insieme arco-freccia-arciere, eliminando le dispersioni di energia dovute alle vibrazioni,
2 – Trovare l’assetto più confortevole per l’arciere, che è una sensazione personale
3 – Ricercare il miglior sistema di compensazione degli errori.

Per il punto 1, la ricerca va fatta su brace-height, tiller, corda; per il punto 2 conta molto la stabilizzazione, per il punto 3 occorre partire da un progetto di freccia (tipo, marca, peso, foc, alette) in base al tipo di gara che si intende fare.
Acquistata e montata la freccia “giusta”, carico la molla del bottone in modo da avere 8-10 grammi di spinta per libbra effettiva, posiziono la diottra sulla verticale della freccia e regolo il punto di incocco, con la spennata a 18 metri, o con la prova a due metri (se la freccia spennata si pianta con la cocca in alto, significa che il punto di incocco è alto).
Posso fare un controllo di massima della correttezza dello spine tirando la spennata a due metri, facendo attenzione che il centrale della stabilizzazione sia in bolla: se la spennata si pianta con la cocca a sinistra significa che la freccia è morbida; posso provare a regolare il bottone per cercare di avere la spennata perpendicolare il più possibile., sempre facendo attenzione che la molla non diventi eccessivamente morbida o eccessivamente dura: ricordiamo i 7-8 grammi per libbra.

Poi tiro le impennate a 18 metri mirando nel giallo, se ho progettato e scelto la freccia giusta, dovrei avere le frecce nel rosso; ora cerco farle andare nel 10 spostando poco per volta il center shot, senza esagerare. Se non riesco (non ha senso, in questa fase, spostare il center shot-shot) agisco sul bottone, fino ad avere la rosata nel centro, ma non esagero con il bottone, vario al massimo un giro in più o in meno rispetto al peso di molla stabilito.

Piuttosto che agire in modo eccessivo sul bottone è sempre meglio agire sul libbraggio dell’arco.

Ora, se sono un arciere di ottimo livello, parto con la prova della camminata.
Perché dico “arciere di ottimo livello”? Perché se il vostro punteggio medio a 50 metri, su visuale da 80, è di 300 punti su 36 frecce, significa che avete una media dell’8,33, cioè avete una variazione di 16 centimetri dal centro, e dovete considerare la stessa tolleranza quando siete arrivati in basso al paglione con la prova della camminata, e quindi le conclusioni che potrete trarre non sono le migliori.
Poi ci si può divertire variando il brace, il tiller, la stabilizzazione, ecc, ecc, ecc, con lo scopo di stringere la rosata alla massima distanza.

Come controllo il peso della molla del bottone.

Se avete il bottone Beiter a questo link troverete le spiegazioni.

Altrimenti dovete pesare la molla facendo pressione sulla bilancia fino a quando il pistone del bottone sarà rientrato di 2 millimetri, come spiegato nel link del bottone Beiter.

Tenete presente che la molla morbida del bottone Beiter esercita una pressione di circa 30 grammi per giro.

Close Menu